L’abusivismo nel commercio di prodotti ittici non è meno invadente di quello dell’ortofrutta

Operazione congiunta dei militari della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto di Molfetta presso il Mercato ittico Comunale. I controlli effettuati presso i banchi di vendita, sono stati effettuati a seguito di una segnalazione pervenuta presso alla Guardia Costiera che denunciava la presenza di novellame di triglie e altri esemplari che non potevano essere pescati in quanto di dimensioni inferiori agli 11 cm. Al termine delle ispezioni sono state contestate violazioni amministrative nei confronti di 5 soggetti che commercializzavano pesce in assenza della prescritta autorizzazione comunale, agli stessi è stata contestata anche la detenzione di specie ittiche di taglia inferiore a quella minima di riferimento, con il successivo complessivo sequestro di circa 65 Kg. di pescato.

Speriamo che a breve ci si occupi degli abusivi dell’ortofrutta.

Be Sociable, Share!
Precedente Strage del Gargano, il dolore per i contadini uccisi: "Buoni come il grano che coltivavano" Successivo Foggia, commando armato bloccato all'uscita di un garage: "Erano pronti a uccidere"

2 thoughts on “L’abusivismo nel commercio di prodotti ittici non è meno invadente di quello dell’ortofrutta

  1. ripeto che per combattere l’abusivismo non servono interventi di carabinieri vigili finanzieri o quant’altro,serve multare a chi compra senza scontrino fiscale,allora si che la gente si spaventa tanto gli abusivi si fanno la risata col sequestro e la multa

I commenti sono chiusi.