Crea sito

Il “re delle burrate” arrestato per bancarotta a Gioia del Colle: già sequestrata la villa con piscina e una barca di 12 metri

Prima il sequestro di beni che sarebbero stati accumulati illecitamente e poi gli arresti domiciliari: si complica la vita di Pasquale Cinieri, 52enne di Gioia del Colle, titolare de “La golosa di Puglia”. Il re delle burrate è finito al centro di un’inchiesta per bancarotta fraudolenta della Procura di Bari, che ne ha chiesto e ottenuto l’arresto, mentre per uno dei suoi uomini di fiducia, Domenico Spinelli amministratore di Progressofood  (una delle sue società poi dichiarata fallita), è stata disposta l’interdizione per un anno dall’attività di impresa.

A entrambi vengono contestati i reati di bancarotta fraudolenta documentale e di bancarotta impropria in ragione dagli ingenti debiti tributari maturati per oltre 1.600.000 euro nonché dell’occultamento delle scritture contabili.

L’inchiesta è stata condotta dai finanzieri della Tenenza di Gioia del Colle, che per anni hanno spulciato la documentazione relativa all’impero costruito da Cinieri grazie alle attività casearie. Prima la Gida, poi la Golosa e la Time distribution: con ognuna di quelle società l’imprenditore aveva cavalcato l’onda del successo. E – secondo le ipotesi investigative – frodato ripetutamente il fisco e portato alcune di quelle imprese al fallimento.

La Gida, infatti, è stata dichiarata fallita nel settembre 2019 e, proprio in relazione alla sua gestione, Cinieri è stato chiamato a rispondere del reato di bancarotta. Nel giugno scorso la Procura – che lo considerava un “evasore fiscale socialmente pericoloso” e un “bancarottiere” – aveva chiesto e ottenuto un decreto di sequestro per beni del valore di 2,5 milioni.

Il provvedimento applicava le norme antimafia a un soggetto ritenuto pericoloso dal punto di vista economico, sottraendogli la grande villa con piscina a Gioia e la casa al mare a Policoro, un’imbarcazione da 12 metri del valore di 110mila euro e un’altra, più piccola, da 13mila. A distanza di pochi mesi, per Cinieri è arrivato anche l’arresto.

fonte:

Utilizzando il sito o eseguendo lo scroll della pagina accetti l'utilizzo dei cookie della piattaforma. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Altervista Advertising (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Advertising è un servizio di advertising fornito da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258859 Altervista Platform (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Platform è una piattaforma fornita da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. che consente al Titolare di sviluppare, far funzionare ed ospitare questa Applicazione. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258716

Chiudi