Da “On the road” a “La Resaca”… ma i misteri restano

On road

Avevamo segnalato, qualche anno fa, al comando di Polizia Municipale l’occupazione abusiva di suolo pubblico da parte del conduttore del bar “On the road – Food & Drinks” che, dopo aver richiesto il manufatto di proprietà demaniale per farne deposito di vernici di un’impresa che opera nel vicino scalo marittimo, aveva cambiato ragione sociale e inaugurato un bar. Già in occasione della festa patronale aveva occupato (abusivamente) quasi la metà del parcheggio di servizio del mercato ex mattatoio, e poi ne aveva occupato stabilmente quasi 100mq. Avevamo chiesto l’intervento della Polizia Municipale, in data 1.6.2015, affinché si verificasse la legittimità di quella occupazione. 

IMG_2011Tra le altre cose era scomparso il cartello stradale che indicava il parcheggio.

Nella prima settimana di luglio è stato affisso all’albo pretorio l’avviso pubblico per eventuali osservazioni alla richiesta di concessione demaniale marittima per l’occupazione di un’area pari a 107,20 mq. retrostante l’ex distributore carburanti dismesso della ESSO.

Contemporaneamente all’avviso pubblico apprendiamo dell’apertura del nuovo esercizio commerciale  “La Resaca“, dalla propria fagina FB, con l’occupazione di suolo pubblico corrispondente all’avviso pubblico, tavoli, sedie, fioriere e tensostrutture.

Presentiamo allora al Comando della Polizia Municipale una richiesta di rimozione dei manufatti fino alla conclusione del procedimento amministrativo attivato dall’avviso pubblico, ma il Comandante ci risponde che aveva appena firmato un’autorizzazione temporanea di 30 giorni.

Ma come? Il Comune predispone un avviso pubblico per una richiesta di concessione demaniale, con scadenza al 24 luglio 2018 e poi concede lo stesso suolo per 30 giorni, prima della scadenza dell’avviso pubblico e relativo procedimento?

Oggi abbiamo protocollato le nostre osservazioni e contemporaneamente abbiamo chiesto la sospensione dell’avviso pubblico e della concessione temporanea di occupazione di suolo pubblico. Premesso:

  • di aver appreso dall’avviso pubblico del 07.2018 del V° Settore Attività Produttive-Ambiente che è stata richiesta, dal sig. De Bari Antonio, una concessione demaniale marittima per l’occupazione di un’area pari a 107,20 mq. retrostante l’ex distributore carburanti dismesso della ESSO;
  • di aver constatato che la ditta in oggetto ha inaugurato la sede già dai primi giorni di luglio c.a. e ha già occupato l’area demaniale richiesta;
  • di aver protocollato la richiesta di rimozione delle strutture presenti nella zona interessata alla richiesta in oggetto con nota n. 44429 del 13 luglio 2018;
  • di aver notato delle incongruenze tra le particelle identificate nell’avviso pubblico e quelle indicate nella richiesta di autorizzazione della ditta del 3 luglio 2018 n.41453;
  • di aver appreso dagli uffici comunali, in passato, che l’area di parcheggio a ridosso del manufatto ex Esso, è di pertinenza del mercato comunale ex Mattatoio, come previsto probabilmente da Piano Regolatore Comunale. Pertanto, al momento, non concedibile a terzi;
  • di non essere a conoscenza di eventuali altri avvisi pubblici del Comune per la concessione del manufatto demaniale “ex Esso”, dopo la precedente fallimentare concessione. Pertanto si chiede l’annullamento dell’avviso pubblico in oggetto e l’annullamento della momentanea autorizzazione di 30 giorni ad occupare l’area antistante l’ex manufatto demaniale ex Esso.
Be Sociable, Share!
Precedente Sentenze su misura: 50 anni a 14 “toghe” Successivo Caporalato, a Bisceglie arrestato un imprenditore agricolo: una donna faceva da caporale

Lascia un commento

*