Arrestati i ” pistoleri” del 23 febbraio 2020 e del 29 dicembre 2018

Erano circa le ore 17:25 del 23 febbraio scorso, quando furono esplosi dei colpi d’arma da fuoco in via San Giovanni. Una pattuglia della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta, dopo aver percorso a sirene spiegate via E. Germano, via Roma, Piazza Paradiso e Via Paniscotti giunge in via S. Giovanni. Sul posto naturalmente non c’è più traccia di eventuali “pistoleri”, a loro rimane il compito di ricostruire l’accaduto ascoltando qualche residente e cercando qualche traccia. Potrebbero essere 3 o 5 i bossoli rimasti sul basolato. Poco prima degli spari si erano sentiti distintamente schiamazzi concitati tra voci maschili e femminili.

Stamattina, dopo sei mesi, gli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei carabinieri di Molfetta hanno arrestato, per tentato omicidio e porto abusivo di armi in luogo pubblico, il 22enne Minervini Ruggiero e il 24enne Cosma Damiano Grosso detto “Denny”. I due “giovani pistoleri” quel pomeriggio di febbraio si sono affrontati per strada incuranti di altri cittadini presenti. E i due sono gli stessi che si affrontarono in un “mezzogiorno di fuoco” del 29 dicembre 2018 in piazza Paradiso. Sullo sfondo della scena il “LadyD Cafè “, frequentato da avventori che reggono molto la birra, davanti la stessa piazza che da 26 anni ci ricorda “quel variegato mondo che va sotto il nome di Piazza Paradiso“. Un capannello di giovinastri, forse “figli d’arte”, i toni di voce alti e qualcuno tirò fuori il “ferro” e sparò. Ad essere gambizzato fu Ruggiero Minervini, l’esecutore invece Cosma Damiano Grosso. Da allora la sfida tra i due non si è mai fermata ed ha avuto altre reciproche manifestazioni intimidatorie. Allora, dall’ospedale lo stesso Minervini lancia la sfida a Grosso con minacce di morte.

Oggi, forse, si è interrotta questa “baby faida”, e per stasera il bar di famiglia aveva programmato una serata post-covid.

 

Sparatoria del 23 febbraio 2020

Agguato in Piazza Paradiso del 29 dicembre 2018

Precedente Salvarono uomo dai binari, encomio a tre Carabinieri Successivo Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato