Storia e cronaca di un sequestro annunciato, è partita l’operazione verità sulla bonifica del Porto di Molfetta

1^ Parte

Dopo l’omicidio del sindaco Gianni Carnicella nel 1992 e le grandi operazioni antidroga “Primavera” del 1994 e “Reset” del 1996, ancora una volta Molfetta torna ai clamori della cronaca nazionale con la maxitruffa sul porto. Il Movimento civico “LIBERATORIO Politico“, in collaborazione con il Coordinamento Nazionale Bonifica Armi Chimiche, il 20 ottobre 2013 hanno raccontato la storia del disastro ambientale della bonifica bellica pagata e non realizzata secondo i protocolli del contratto di programma.

Hanno relazionato :

VITANTONIO TEDESCO – Presidente della “cooperativa Piccola Pesca”.

PAOLO DE GENNARO – Operatore subacqueo

MATTEO d’INGEO – vice-presidente del COORDINAMENTO NAZIONALE BONIFICA ARMI CHIMICHE e coordinatore movimento civico “Liberatorio politico”.

2^ Parte

3^ Parte

4^ Parte

Precedente Legambiente: in Puglia un quadro «desolante» Successivo Chiusa l'inchiesta Ilva per disastro ambientale. Indagato anche Vendola