Trivelle, via libera del Consiglio di Stato: “Ok i permessi di ricerca di gas nel mare Adriatico dall’Emilia Romagna alla Puglia”

fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it – di

Via libera alle trivelle in un’area di 30mila chilometri quadrati, nel mare Adriatico. Il Consiglio di Stato ha rimosso l’ultimo ostacolo alle attività della compagnia inglese Spectrum Geo. I giudici amministrativi, infatti, hanno rigettato i ricorsi presentati in appello dall’Abruzzo, dalla Puglia e dagli Enti locali contro il decreto Via (Valutazione di impatto ambientale) relativo a due permessi di ricerca di gas e petrolio rilasciati alla società inglese. L’attività è quella di prospezione descritta da due istanze presentate il 26 gennaio 2011 per altrettante aree dell’Adriatico, la d1 BP SP (per 13.700 chilometri quadrati, da Rimini a Termoli) e la d1 FP SP (per 16.210 chilometri quadrati, da Rodi Garganicoa Santa Cesarea Terme). La vicenda non è comunque conclusa: ora il ministero dello Sviluppo Economico dovrà adottare i due permessi di ricerca. Amaro il commento del Coordinamento No triv: “Rimaste ai margini della campagna elettorale, le trivelle irrompono di prepotenza sulla scena del conflitto tra chi è a favore e chi è contro l’attuale modello energetico. Complice la ‘politica’ che fino ad oggi ha lasciato fare il bello ed il cattivo tempo alle compagnie Oil&Gas”.

I DUE PERMESSI E L’AREA INTERESSATA – Si tratta di certo di un’altra sconfitta per gli Enti territoriali dopo che, nel luglio 2016, il Tar del Lazio aveva dato il via libera alla Spectrum Geo e bocciato i ricorsi presentati dalla Provincia di Teramo, da sette Comuni della costa teramana e da altri due Comuni marchigiani contro il decreto di Via. Cinque le regioni interessate dalle attività di prospezione: Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. E da quest’ultima era parallelamente partito un altro ricorso. Gli enti locali contestavano la procedura seguita dai ministeri competenti: dal limite dell’area interessata, fino alla mancata Valutazione ambientale strategica e all’altrettanto mancato coinvolgimento degli enti locali. L’area complessiva originariamente era ancora più vasta ma, alla luce del limite delle 12 miglia introdotto a pochi mesi dal referendum con la legge di Stabilità per il 2016, il ministero dello Sviluppo Economico ha dovuto riperimetrarla. La legge 625 del 1996 prevede, poi, che la zona del permesso di ricerca non possa superare l’estensione di 750 chilometri quadrati, mentre il permesso riguarda un’area di ben 30mila chilometri quadrati. Il Tar aveva però dichiarato la Via legittima, sottolineando che nello specifico si trattava di attività di prospezione e non di ricerca “connotata da ricadute sul territorio chiaramente più gravose ed invasive”. Insomma, quel limite vale solo per la ricerca e non per la prospezione, attività per la quale verrà però utilizzata la tecnica invasiva dell’air-gun, che consiste in scariche violente di aria compressa verso i fondali e da anni ormai al centro di un acceso dibattito.

LE REAZIONI – “La battaglia contro le trivelle non si vince unicamente impegnandosi fino allo sfinimento nelle aule dei tribunali, armati di codici e studiando ogni utile strategia giudiziaria. Occorre un cambio di passo di cui la classe dirigente di questo Paese non si è mostrata finora minimamente capace”. Questo il commento del costituzionalista Enzo Di Salvatore, padre del Referendum No Triv e di numerosi ricorsi contro lo Sblocca Italia. “Il nodo è sempre stato e resta quello politico”, rilancia Enrico Gagliano, cofondatore del Coordinamento Nazionale No Triv.  Che aggiunge: “Chiediamo una totale inversione di rotta nelle scelte di politica energetica nazionale e nell’Unione, che favorisca la decarbonizzazione e la riconversione ecologica dell’intero sistema economico”.

Be Sociable, Share!
Precedente Smantellata un’organizzazione criminale specializzata in frodi nel commercio di carburanti con molfettesi Successivo Dopo dieci giorni dall'attentato intimidatorio del 1 Marzo, sembra delinearsi l'obiettivo