M5S chiede le dimissioni del capo di Gabinetto di Tria, Roberto Garofoli per lo stanziamento fantasma a Croce Rossa

fonte: di  – www.ilfattoquotidiano.it

Domenica sera, preconsiglio dei ministri, vigilia di approvazione del decreto Fiscale. Attorno al tavolo ci sono Giuseppe Conte, i suoi ministri e sottosegretari, vari tecnici. Arrivano le bozze aggiornate del testo e, racconta chi c’era, il capo del governo in persona alza il sopracciglio: “Scusate, che roba è?”.
Tra le mani tiene il testo dell’articolo 23: due commi che muovono 84milioni di euro in tre anni intitolati a “Disposizioni urgenti relative alla gestione liquidatoria dell’Ente strumentale alla Croce rossa Italiana”. Righe così urgenti, che nessuno sa chi le abbia scritte: si materializza, insomma, la solita “manina”, l’eterna burocrazia senza nome che sa erigere muri sulle virgole e abbattere montagne in una riga.
E così facendo, fatalmente. comanda. La norma, in soldoni, stabilisce che i 117 milioni di euro l’anno appena stanziati dal Mef a favore della Croce Rossa siano da rimodulare almeno in parte, conferendo annualmente una quota significativamente maggiore alla struttura commissariale retta da Patrizia Ravaioli, già direttore generale della Cri e liquidatore, nonché moglie di Antonio Polito, notista politico e vice direttore del Corriere della Sera.

Il commissario evidentemente ha bisogno di soldi per il personale e per le “spese correnti di gestione”. E prontamente qualcuno li trova. Nel decreto che ha sbloccato i fondi, quelli per l’ente liquidatore si fermavano a 15.190.765 l’anno per tre anni.
La rimodulazione spuntata nel decreto fiscale assegna alla struttura oltre dieci milioni in più, sempre a valere sul Fondo sanitario nazionale, arrivando a 28,1 l’anno. Magari è un bene, magari no. Il punto è che nessun “politico”, a quanto pare, ne sapeva nulla.

Letta la norma, stando a ricostruzioni convergenti, Conte ha fatto un rapido giro di consultazioni tra i presenti e nessuno l’ha rivendicata. Non il ministro della Difesa Trenta che, non ha più competenze sul riordino della CRI. Non quello della Salute Grillo, che pure è autorità vigilante (e non nasconderà di nutrire alcune perplessità sul testo). Alla fine sarà Roberto Garofoli, già capo di gabinetto al Tesoro con Padoan e ora con Tria, a spiegare ai presenti che la norma è stata effettivamente scritta dal suo ministero, a livello di Ragioneria Generale dello Stato, al seguito di una interlocuzione con l’ente in liquidazione.

Inutile bussare alla porta di Garofoli per conferme, non risponde: “Di quell’articolo non so nulla”, taglia corto la commissaria Ravaoioli, che a precisa richiesta non fa nomi, ma a sua volta chiama in causa il Ragioniere dello Stato e il ministero della Salute. Prevedendo poi la bufera, precisa: “Io sono un manager, mi attengo alle opzioni politiche che stanno in capo al ministro”.

Il Mef, a sera, ha mandato al Fatto una nota in cui sostanzialmente rivendica la bontà della norma, ma non chiarisce chi l’abbia chiesta e scritta.
Conte in persona, stando a chi c’era, l’avrebbe giudicata estranea al decreto per materia e scritta in modo da non diradare del tutto il sospetto che risorse stanziate per servizi finiscano a coprire altre spese.
Così è arrivato l’aut-aut: o mi sapete indicare esattamente a quale urgenza risponde o questa cosa non passa. Nessuna risposta.

 

M5S chiede le dimissioni del capo di Gabinetto di Tria Garofoli per lo stanziamento fantasma a Croce Rossa

leggi QUI

Decreto Fisco, l’articolo fantasma pro Croce rossa: 84 milioni all’insaputa di Conte e ministri. Poi il premier lo stralcia

leggi QUI

 

Be Sociable, Share!
Precedente Alla corte dei Parisi per lavori in sub appalto: ecco gli imprenditori collusi Successivo Tentata violenza sessuale su una giovane conosciuta in rete, arrestato dai Carabinieri il consigliere comunale Fulvio Spadavecchia