L’illegalità della “controra”

A Molfetta anche le formiche sanno che dalle 14.00 alle 16.00 (ancor più delle altre ore del giorno) non c’è molto controllo del territorio da parte della Polizia Municipale. Purtroppo questa “consuetudine” la conoscono bene coloro che devono mettere in atto situazioni di illegalità diffusa.

Oggi pomeriggio è accaduto che, proprio in quella fascia oraria, qualcuno ha deciso di parcheggiare tre grossi autoveicoli in prossimità del semaforo posto in via Baccarini, angolo con via Cap. Magrone, lasciandone uno proprio sulle strisce pedonali, impedendo la visibilità del semaforo a chi scendeva via Baccarini.

Non contenti delle violazioni al codice della strada, hanno allestito un vero e proprio cantiere edile sul marciapiede, negando anche il libero passaggio pedonale. Il tutto arredato con un gazebo di qualche vecchia campagna elettorale del ben noto Antonio di Pietro. 

E’ stata allertata la Polizia Municipale che è intervenuta facendo rimuovere il tutto. Ora ci chiediamo se gli agenti abbiano solo invitato i responsabili a liberare il suolo pubblico per evitare le multe, oppure hanno provveduto a sanzionare le violazioni al codice della strada e all’occupazione abusiva di suolo pubblico. Oppure nulla di tutto questo? L’impresa aveva i permessi ma li aveva usati con molta disinvoltura?

Be Sociable, Share!
Precedente E’ IL TEMPO GIUSTO... APPELLO ALLA CITTÀ Successivo "È il tempo giusto" - 29 GIUGNO ore 19,00 – in piazza Municipio

Lascia un commento

*