La Procura chiede di «cristallizzare» le dichiarazioni di Savasta e D’Introno. Richiesto l’incidente probatorio.

Giustizia truccata, a Lecce verso l’incidente probatorio

fonte: MASSIMILIANO SCAGLIARINI – www.lagazzettadelmezzogiorno.it

I tre interrogatori resi da Flavio D’Introno che hanno consentito all’inchiesta il primo salto di qualità. Ma anche i verbali fiume di Antonio Savasta, l’oramai ex magistrato che a fine marzo ha lasciato il carcere per i domiciliari. Migliaia di pagine di rivelazioni e ammissioni che ora la Procura di Lecce vuole cristallizzare. Per questo l’accusa si prepara a chiedere l’incidente probatorio nei confronti dell’imprenditore e dell’ex pm di Trani, entrambi accusati a vario titolo – tra l’altro – di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari.

La mossa era nell’aria da giorni. E ha un valore tecnico, ma non soltanto. Le dichiarazioni rese in fase di indagine sono infatti inutilizzabili durante il processo. Con l’incidente probatorio, che si svolge davanti al gip e prevede l’intervento di tutte le parti coinvolte, il contraddittorio del dibattimento viene anticipato e dunque si forma una prova a tutti gli effetti. È evidente la necessità della Procura di mettere un punto fisso a quanto raccolto fino a ora, considerando che – almeno in linea teorica – gli indagati potrebbero sempre modificare le proprie dichiarazioni. Ma quelle di D’Introno sono state determinanti per portare il gip Giovanni Gallo a concedere l’arresto in carcere di Savasta e dell’ex gip Michele Nardi. E quelle di Savasta, che (assistito dall’avvocato Massimo Manfreda) ha parlato per ore davanti al procuratore Leonardo Leone de Castris e alla pm Roberta Licci, hanno convinto l’accusa della sua volontà di collaborare tanto da riaprire le porte del carcere per i domiciliari.

L’indagine sulla giustizia svenduta a Trani però non è finita. La Procura sta infatti continuando a cercare riscontri ad alcuni degli episodi già emersi, ma anche a quelli confermati dal racconto di Savasta che – oltre ad aver ammesso numerose circostanze – ha anche reso dichiarazioni accusatorie nei confronti di numerose persone tra cui ci sarebbero anche suoi colleghi o ex colleghi. «Un ripensamento rispetto alle proprie condotte antisociali», lo ha definito il gip Gallo nel provvedimento con cui ha disposto i domiciliari alla fine di marzo: Savasta «ha reso dichiarazioni largamente auto accusatorie, anche in relazione a fatti per i quali non è sottoposto alla misura cautelare» eseguita il 14 gennaio.
Secondo la prima fase delle indagini, D’Introno avrebbe pagato quasi 3 milioni di euro per l’aiuto offerto da Nardi e Savasta sotto forma di interventi sulle indagini, alcune volte reali e altre semplicemente millantati. Ma, nel frattempo, numerosi altri imprenditori avrebbero raccontato episodi simili, a partire dal re del grano Francesco Casillo. La scorsa settimana, peraltro, la Procura avrebbe ascoltato un altro importante imprenditore della Bat che accusa Savasta di averlo portato sull’orlo del fallimento.

Precedente Roma, centomila dosi di cocaina nascoste nelle tombe del Verano: arrestato marmista Successivo Stroncato traffico di droga tra il Gargano e l'Abruzzo: "Smantellata joint-venture tra gruppi criminali"