La città è allo sbando, l’occupazione abusiva di suolo pubblico non conosce limiti

Il sottoscritto Matteo d’Ingeo, in qualità di portavoce-coordinatore del movimento civico “Liberatorio Politico”, espone quanto segue:

  • in numerosi esposti presentati nei mesi scorsi abbiamo segnalato situazioni che ancor oggi sono rimaste inalterate, per possibili occupazioni abusive di suolo pubbico, quali: via Bari n. 27; – viale PioXI n. 17/D – Largo Michiello 23;  – Piazza Principe di Napoli angolo con via Adele Cairoli – via Massimo d’Azeglio, n. 150; – via Immacolata n. 13 ( strada e marciapiede); – via Immacolata, altezza del civico 25; Via Carlo Alberto n. 38; via Canonico de Beatis, entrata parco fronte ferrovia; via Ten Silvestri, angolo via Cap de Candia; Via Cap. Magrone, angolo, via Azzarita; via Ricasoli n. 42. In molte di queste situazioni si occupa stabilmente marciapiede e strada anche di notte e di giorno si aprono ombrelloni che occupano la strada.

Stamattina segnaliamo e chiediamo l’intervento di agenti di Polizia Municipale per possibili occupazioni di suolo pubblico e invasione di terreni, mancanza di rispetto del Codice stradale e delle sentenze di cassazione n. 6108/14 del 10 febbraio 2014 e la  n. 25826/2016 nelle seguenti postazioni:

  • via Bari n. 27;
  • viale Pio XI n. 17/D ;
  • piazza Principe di Napoli angolo con via Adele Cairoli;
  • via Cap. Magrone, angolo, via Azzarita;
  • via Ricasoli n. 42;
  • via F. Cavallotti n. 37;
  • via Baccarini angolo, Viale Pio XI, fioraio;
  • via Maggiore Mazzara civico n.22, occupazione di stallo per disabili; 

Be Sociable, Share!
Precedente Traffico di rifiuti, Dia confisca beni per 6 milioni nel Foggiano Successivo Coca party, confermate le condanne per Gianpi Tarantini e altri due. Nessuno andrà in carcere