I DIVIETI CI SONO MA NON C'E' NESSUNO CHE LI FA RISPETTARE

 


Ieri blitz della Polizia Provinciale al Mercato ittico minuto pesce per sequestrare prodotti ittici sotto misura, il cosiddetto novellame, e altri prodotti privi di controllo sanitario, venduti da pescivendoli abusivi, che si sono dati alla fuga, abbandonando la merce, all’arrivo della polizia.

 

 

  

L’operazione rientrava nell’attività di controllo sulla filiera della pesca disposta dal comando della  Polizia Provinciale di Bari. Sono stati sequestrati di kg. 4,9 di prodotto ittico sottomisura, nella fattispecie novellame di triglia (particolarmente pescato in questo periodo),  in violazione delle norme (art.15, lett. “C”, legge 963 del 1965 e successive integrazioni e modificazioni) che ne vietano la pesca detenzione e commercializzazione e di kg. 4 di “Limoni di Mare” (Microcosmus Sulcatus, i cosiddetti taratufi), la cui detenzione e commercializzazione è vietata ai sensi dell’ordinanza P.G.R.P. n. 930 del 30/12/2004.

 

 

 

Ma i divieti nella zona porto sono anche altri e ….

 

  


… nonostante il divieto, il 9 luglio 2011 (ma questo avviene quasi ogni giorno) un signore si tuffa nelle splendide acque del porto e nuota su e giù….
 

… nella stessa mattinata due pazienti anziani pescatori aspettano che qualche pesce-bomba abbocchi al loro amo mentre i militari della capitaneria sostano all'entrata della stessa senza intervenire…

 


…mentre altri prelevano la purissima acqua del porto…


…la trasportano verso il vicino mercato ittico…

… e si riposano in attesa di servire l'acqua all'avventore di turno per sciacquare il pesce che noi compriamo, perchè sciacquare il pesce con l'acqua corrente pulita non sta bene….

.. e poi il minore mandato a "cazzare" i polpi, utilizzando sempre la pregiatissima acqua di porto, un po' gassate e un po' frizzante direttamente dalla fonte dell'Iprite e del Fosforo.

Aggiungiamo, per correttezza d'informazione, che la foto è stata scattata alle 8.00 circa del 28 luglio 2011 dopo che un tombino della fognatura era esploso e i liquami erano stati versati nello stesso spazio della "cazzatura"… sicuramente, i polpi, saranno stati più saporiti.

Utilizzando il sito o eseguendo lo scroll della pagina accetti l'utilizzo dei cookie della piattaforma. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Altervista Advertising (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Advertising è un servizio di advertising fornito da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258859 Altervista Platform (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Platform è una piattaforma fornita da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. che consente al Titolare di sviluppare, far funzionare ed ospitare questa Applicazione. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258716

Chiudi