Frutterie, più di 150 sanzioni in pochi giorni… a Roma, no a Molfetta

(n.d.r.) Questo è quello che accade quotidianamente a Roma; mentre a Molfetta da sempre, e ancor più negli ultimi due anni, da quando abbiamo pagato 55 mila euro l’anno a un super colonnello per comandare la Polizia Municipale di Molfetta… non accade nulla 

Frutterie, più di 150 sanzioni in pochi giorni: a Primavalle un gestore multato per oltre 17mila euro

Sono più di 180 le frutterie già sottoposte ad accertamenti e 150 le infrazioni contestate in pochi giorni, a seguito del piano di controlli predisposto dal Comando Generale della Polizia Locale e finalizzato al contrasto dei fenomeni legati all’abusivismo commerciale in varie zone della Capitale. 

Tra gli illeciti più frequenti il mancato rispetto delle norme sulle occupazioni di suolo pubblico, irregolarità edilizie  ed altre difformità in ordine ai titoli autorizzativi.

Nel solo territorio del XIV Municipio sono state oltre 30 le violazioni registrate. In uno degli ultimi interventi eseguiti nei giorni scorsi nel quartiere di Primavalle, gli agenti del Gruppo Monte Mario hanno rilevato irregolarità in 4 attività di frutterie e minimarket, tutte gestite dalla stessa persona.

Occupazione ed esposizione irregolare della merce sul suolo pubblico e non solo: tra gli illeciti anche l’assenza di etichette indicanti la provenienza e la tracciabilità degli alimenti e la distribuzione di sacchetti in plastica, in contrasto con le norme poste a tutela dell’ambiente che stabiliscono la commercializzazione di borse biodegradabili e compostabili.

Nei confronti del gestore sono state erogate sanzioni per un ammontare superiore ai 17 mila euro. Il personale ha provveduto anche al sequestro di oltre 4 quintali di prodotti ortofrutticoli e di 4630 sacchetti in plastica. Trattandosi di merce deperibile, invece di conferirla in discarica, è stata devoluta ad un istituto impegnato in forme di assistenza  e volontariato.

fonte: www.romatoday.it

Precedente Stamattina è avvenuta la decapitazione di Pino Depresso, ora vogliamo i nomi dei mandanti Successivo Degrado o gesto vandalico nel giardino A. De Gasperi