“È mafia”. Quasi due secoli di galera alla “Cupola” della Società Foggiana, emessa la sentenza di “Decimabis”

(In foto, Pasquale Moretti, Rocco Moretti jr, Ernesto Gatta e Franco Tizzano; sotto, Alessandro Aprile, Antonio Salvatore, Francesco Pesante e Patrizio Villani

Tra i condannati spiccano il boss Pasquale Moretti e suo figlio Rocco junior. Estinti i reati per Trisciuoglio morto pochi giorni fa. Cruciale il ruolo dei pentiti – fonte: Francesco Pesante – www.immediato.net

 

Raffica di condanne per padrini, capibastone e picciotti della mafia foggiana. Si è concluso in queste ore a Bari il processo di primo grado “Decimabis. Tra i reati contestati l’estorsione e la tentata estorsione a imprenditori e commercianti della città, il tentato omicidio, l’usura, la turbativa d’asta e, soprattutto, l’associazione mafiosa, aggravante caduta per alcuni degli imputati. Decimabis è la maxi operazione del 2020 seguito di Decima Azione del 2018.

Coinvolti pezzi da Novanta dei gruppi criminali Trisciuoglio-Tolonese, Sinesi-Francavilla Moretti-Pellegrino-Lanza e i vertici della cosca scissionista dei Frascolla, legata ai Sinesi. Tra gli imputati figuravano anche i boss Pasquale Moretti detto “Il porchetto” e Federico Trisciuoglio alias “Enrichetto lo Zoppo” o “Polpetta”, deceduto di recente dopo una lunga malattia.

Importante l’apporto del neo pentito Patrizio Villani, ex killer della batteria Sinesi-Francavilla. In una delle ultime udienze la magistrata della Dda Bruna Manganelli aveva ribadito il contenuto accusatorio delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia nei confronti dei vari imputati del processo e, sulla base dell’aiuto che Villani ha fornito agli inquirenti, aveva chiesto una pena minima, due anni e 8 mesi di reclusione con attenuanti generiche e l’attenuante della collaborazione rispetto ai 10 anni invocati in prima battuta. Villani era a processo per il tentato omicidio dei fratelli Trisciuoglio, vicenda ricostruita dettagliatamente nelle carte dell’inchiesta.

LE CONDANNE

Inflitti agli imputati un totale di quasi due secoli di galera. 16 anni a Pasquale Moretti e 10 anni al figlio Rocco junior. E ancora, 10 anni e 8 mesi e 10.667 euro di multa ad Alessandro Aprile detto “Schiattamurt”; 2 anni e 500 euro di multa a Michele Cannone; 2 anni e 500 euro di multa ad Alfonso Capotosto; 8 anni e 6 mesi ad Aldo Checchia; 8 anni a Marco Consalvo; 5 anni e 8 mesi e 3.333 euro di multa a Emilio D’Amato; 11 anni e 2 mesi a Tommaso D’Angelo; 3 anni e 4 mesi a Giuseppe Folliero; 10 anni e 8 mesi ad Antonello Frascolla; 11 anni e 4 mesi a Gioacchino Frascolla; 2 anni e 1800 euro di multa a Ernesto Gatta; 5 anni e 8 mesi e 4mila euro di multa a Domenico La Gatta; 6 anni e 8 mesi ad Antonio Miranda; 5 anni e 6 mesi e 1333 euro di multa ad Ivan Narciso; 8 anni a Benito Palumbo; 6 anni e 4 mesi e 4333 euro di multa a Raffaele Palumbo; 3 anni e 3mila euro di multa a Massimo Perdonò detto “Massimino”; 7 anni e 4 mesi e 5mila euro di multa a Francesco Pesante detto “U’ Sgarr”; 7 anni e 8 mesi a Sergio Ragno; 11 anni e 4 mesi a Giovanni Rollo; 4 anni e 8 mesi e 3.333 euro di multa ad Antonio Salvatore detto “Lascia Lascia”; 8 anni e 4 mesi e 3.667 euro di multa a Francesco Tizzano; 12 anni e 8 mesi a Nicola Valletta; 8 anni e 6 mesi ad Antonio Verderosa; 3 anni e 4 mesi a Carlo Verderosa, 3 anni e un mese a Patrizio Villani. Le condanne tengono conto della riduzione di un terzo della pena prevista per l’abbreviato, rito scelto dai 29 imputati. Reati estinti per Trisciuoglio, deceduto pochi giorni fa. Altri 13 imputati sono invece a processo nel Tribunale di Foggia.

Nell’inchiesta figuravano, oltre a Villani, i pentiti Alfonso Capotosto e Carlo Verderosa, ex membri della batteria Moretti-Pellegrino-Lanza. Anche Aldo Checchia, uomo del capomafia Trisciuoglio, mostrò pentimento durante un’udienza del processo, ammettendo di aver sbagliato e dicendosi pronto a cambiare vita.

Tra le parti civili alcune vittime che ebbero il coraggio di denunciare i propri aguzzini, le associazioni Confindustria Foggia, Confindustria Puglia, la Fondazione Buon Samaritano, l’Antiracket, la Camera di Commercio Foggia e Libera. 

Utilizzando il sito o eseguendo lo scroll della pagina accetti l'utilizzo dei cookie della piattaforma. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Altervista Advertising (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Advertising è un servizio di advertising fornito da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258859 Altervista Platform (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Platform è una piattaforma fornita da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. che consente al Titolare di sviluppare, far funzionare ed ospitare questa Applicazione. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258716

Chiudi