Dal 1 agosto 2011 a Torre Gavetone c’è il divieto di balneazione

Alle ore 11.00 del 1 agosto del 2011 gli operai della Multiservizi piantarono il primo cartello che vietava la balneazione a Torre Gavetone, proprio nei pressi della strada di accesso; ne furono installati una decina lungo la spiaggia fino al confine di Giovinazzo. Il divieto indicava la presenza «nello specchio acqueo di ordigni residuati bellici inesplosi» e recepiva l’ordinanza n.3 del febbraio 2011 della capitaneria di porto che aveva fatto scattare lo stesso divieto nel Comune di Giovinazzo.  Il Gavetone, infatti, ricade nei territori di entrambi i comuni. 

Il cartello rappresentava un’ammissione di colpa di Antonio Azzollini, perché meno di una settimana prima il Liberatorio Politico aveva denunciato pubblicamente di aver individuato sui fondali di Torre Gavetone, nei pressi della ex fabbrica, delle aree sigillate col cemento in cui sarebbero stati riposti alcuni residuati bellici. 

Un mese prima avevamo inviato un esposto al Prefetto e alla Procura di Trani  denunciando le «scarse informazioni sull’andamento della bonifica» e sul trasporto dei residuati bellici al fosforo diretti nella cava di Corato, che aveva spinto il sindaco Luigi Perrone a emettere una specifica ordinanza di sicurezza. 

L’ultima bomba avvistata da un bagnante lo scorso 21 luglio, riportata nel video e nella foto che segue, è stata trovata proprio al confine con Giovinazzo dove sono state cementate le altre bombe da noi segnalate nel 2011.

Il pericolo c’è, è concreto, ma i cittadini continuano a frequentare e fare il bagno a Torre Gavetone; le istituzioni e gli organi preposti fanno finta di non sapere?

 

Be Sociable, Share!
Precedente La Muraglia ... rotta Successivo Il dr. Spaccavento lascia il Progetto Ospedale Unico per protesta contro le lungaggini e il mancato rispetto degli impegni presi