Commercio: cronaca di una crisi annunciata

http://"www.liberatorio.it/img/Chiusura_negozi/Chiusura_negozi-01.jpg"

di Maria Cappelluti

Si intensifica la moria di attività commerciali nella nostra città. Capita sempre più spesso di imbattersi in negozi chiusi o che svendono a prezzi di realizzo la propria merce in previsione della imminente cessazione della propria attività. Le storiche vie dello shopping di Molfetta (come Corso Umberto, via XX Settembre e Corso Margherita) sono sempre più deserte. I commercianti si ritrovano con incassi in molti casi insufficienti a coprire i costi di gestione che nel corso degli ultimi anni sono diventati insostenibili.

Al posto dei punti vendita storici, quelli che nei decenni scorsi hanno dato lustro a Molfetta richiamando acquirenti anche dalle città limitrofe, subentrano nuove tipologie di commercio che in alcuni casi seguono i nuovi trand (come i negozi di sigarette elettroniche e gli Open24H) ma a volte sono un sintomo della crisi economica (come i numerosissimi “compro oro” e i centri scommesse) se non una sua concausa (negozi cinesi). Ed è proprio questo lo scenario che diventa il simbolo di una crisi economica in una città che sta colpendo inesorabilmente soprattutto il commercio. Nonostante l’apertura di queste nuove attività, il bilancio resta comunque ampiamente negativo e i locali, anche quelli di pregio nelle zone più centrali, finiscono per rimanere sfitti. Una situazione che non è affatto esagerato considerare drammatica.

Le cause possono essere molteplici come ad esempio gli affitti troppo cari, la crisi economica generale, le difficoltà di trovare parcheggio anche a pagamento, ma quello che più di tutti sta dando il colpo di grazia ai nostri commercianti è l’abnorme presenza della grande distribuzione concentrata nella zona artigianale del tutto sproporzionata rispetto a un paese di 60 mila abitanti. Forse è il caso di dire che ci troveremo ben presto di fronte a uno scenario apocalittico se non si riusciranno a trovare le giuste soluzioni senza le quali il commercio di prossimità sarà destinato a diventare residuale o a scomparire del tutto.

Servirebbero interventi straordinari mirati, strutturali, urgenti e una sinergia tra politica e chi vive quotidianamente questa realtà.

A questo punto è doveroso da parte nostra chiederci quali siano le soluzioni che l’attuale amministrazione comunale intende attuare per ridare slancio e lustro al commercio di prossimità ormai vittima di un inesorabile declino. E se è possibile salvare i negozianti di Molfetta in profonda crisi non solo per l’attuale crisi economica nazionale, ma anche per una deficitaria oltre che fallimentare gestione delle precedenti amministrazioni troppo spesso sbilanciate a favore della grande distribuzione.

http://www.liberatorio.it/img/Chiusura_negozi/Chiusura_negozi-02.jpg

Utilizzando il sito o eseguendo lo scroll della pagina accetti l'utilizzo dei cookie della piattaforma. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Altervista Advertising (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Advertising è un servizio di advertising fornito da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258859 Altervista Platform (Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.) Altervista Platform è una piattaforma fornita da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. che consente al Titolare di sviluppare, far funzionare ed ospitare questa Applicazione. Dati Personali raccolti: Cookie e varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio. Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy: https://www.iubenda.com/privacy-policy/8258716

Chiudi