Bari, confisca al re delle slot machine: un impero da 8 milioni fra ristoranti e aziende

074507264-02c0c32a-35f0-4912-8b4a-7a3da642689d

fonte: http://bari.repubblica.it/cronaca

I carabinieri hanno eseguito una confisca di beni per un valore di 8 milioni di euro, emessa dal tribunale di Bari su richiesta della Procura. Applicando la normativa antimafia, i militari hanno sequestrato una società immobiliare, un’attività che si occupa di ristorazione, una ditta che gestisce servizi di portierato, un importante fabbricato nella zona industriale di Bari, dodici automezzi, sei disponibilità finanziarie e due aziende (una a Bari e l’altra a Lanciano) di produzione e commercializzazione di slot machine. Il tutto direttamente e indirettamente riconducibile a Matteo Fornelli, 70enne barese pregiudicato.

Le indagini dei carabinieri hanno consentito di dimostrare che il patrimonio accumulato dall’imprenditore, già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, è stato realizzato attraverso il reimpiego di proventi derivanti da attività illecite; in particolare è stato dimostrato che il Fornelli, dopo che nel 2003 era stato condannato per “associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni, poiché, d’accordo con esponenti criminali di rilievo, con il ricorso al metodo della sopraffazione e della violenza, aveva imposto a molti commercianti la fornitura degli apparati tecnici da gioco elettronico“, era riuscito a riproporsi nel tessuto economico del capoluogo pugliese attraverso la costituzione e la gestione di altre società, tutte intestate formalmente a prestanome e familiari.

Si tratta del primo importante risultato dell’anno da parte dei carabinieri di Bari nell’ambito delle misure di prevenzione patrimoniali. L’anno passato, in un solo colpo, furono sequestrati beni per 50 milioni di euro, sempre nei confronti di un imprenditore del settore delle slot machine.

 
Be Sociable, Share!

One thought on “Bari, confisca al re delle slot machine: un impero da 8 milioni fra ristoranti e aziende

  1. Renzo Mattei il said:

    Ma ci vuole davvero tanto a capire che la liberalizzazione del gioco (d’azzardo) in Italia ha prodotto solo danni elevatissimi alla (pressoché totale) popolazione e benefici solo a (pochissimi) per lo più delinquenti? Oppure non lo si vuol capire ed è malafede?