A Molfetta come “Gomorra”, scoperta una sartoria che fabbricava capi di abbigliamento con marchi contraffatti

GUARDIA DI FINANZA: LOTTA AL LAVORO SOMMERSO ED ALLA CONTRAFFAZIONE

I Finanzieri della Tenenza di Molfetta, nell’ambito del rafforzamento straordinario del dispositivo di sicurezza economico-finanziario per la stagione estiva 2019, hanno individuato 20 lavoratori “in nero” all’interno di due distinte pizzerie di Terlizzi (BA) ed in Molfetta, una stamperia ed un laboratorio per la fabbricazione di capi di abbigliamento contraffatti.

Le ispezioni eseguite all’interno delle pizzerie, sulla regolarità dei dipendenti, hanno permesso di identificare complessivamente 20 giovani universitari – su complessivi 23 dipendenti – non in regola con la posizione lavorativa.

Nei confronti delle ditte interessate all’ispezione è stata proposta l’applicazione del provvedimento di sospensione dell’attività di cui all’art. 14, comma 1, del D.Lgs 81/2008.

Inoltre, in Molfetta, a tutela dei “Distretti Industriali”, veniva individuata, una sartoria che fabbricava capi di abbigliamento apponendo su di essi marchi contraffatti di note griffe internazionali (Adidas, Nike, Pirex, Fila, Puma, Vans, Diesel e Levi’s) a loro volta prodotti da una stamperia sottoposta anch’essa a controllo dalle Fiamme Gialle.

Tale attività di servizio permetteva di sottoporre a sequestro capi di abbigliamento recanti marchi contraffatti, stampe termo adesive nonché centinaia di files riproducenti i loghi dei predetti marchi.

I soggetti titolari delle predette attività, sono stati denunziati alla competente Autorità Giudiziaria per i reati ex artt. 473 “Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni” e 474 “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi” del codice penale.

fonte: www.lucaturi.it

Precedente Rapinatori acclamati come baby boss: scene da Gomorra davanti alla questura Successivo Chiesti tre ergastoli e 208 anni di condanna per mafia per il clan Spada di Ostia