La temperatura alta della politica produce altre autocombustioni

13138833_1333840789963084_4678570172651549198_n

foto del cittadino T.A.P.

Questa notte la “temperatura alta” della politica locale ha causato l’ennesima “autocombustione” di due auto nella centralissima via Cap. M. Carabellese all’altezza del numero civico 36, a pochi metri dall’incrocio con via G. Salvemini. L’incendio è avvenuto intorno alle 0,45 – 01,00 circa.

Il fenomeno è ormai noto e si teme che il periodo di instabilità politico-metereologico, con i continui sbalzi di temperatura, potrebbe essere causa di nuovi incendi. E domani a chi toccherà? 

10392490_1333840746629755_6939601623514497316_n 13139000_1333840856629744_5810050435759128566_n

Premesso che non abbiamo mai accettato, e continueremo a non accettare, l’idea che gli incendi in città siano episodi incidentali e casuali, oppure dovuti a corto circuiti o autocombustione, ci chiediamo ancora se la Procura di Trani abbia mai aperto un fascicolo d’indagine unico.
Sarebbe auspicabile se, dopo otto anni di fuoco, fossero avviate indagini coordinate, pur contro ignoti, per accertare se si tratti di incendi dolosi provocati da piromani seriali, piromani d’occasione o di emulazione, atti vandalici, ritorsioni o vendette personali; oppure se, a Molfetta e nelle città limitrofe, si sia di fronte ad operazioni criminali che hanno come obiettivo la creazione di un clima di paura collettiva per poi attuare nel tempo azioni estorsive indirette e diffuse. Non dobbiamo dimenticare che, oltre alle automobili ci sono stati anche incendi di esercizi commerciali e atti dinamitardi.

Se ci fossero delle indagini mirate si potrebbe anche ipotizzare un collegamento con i ritrovamenti di esplosivo nelle campagne molfettesi e nelle mani di noti malavitosi locali; il collegamento tra tutti gli esplosivi usati in questi anni; scoprire se i liquidi usati per gli incendi sono gli stessi; se le assicurazioni delle auto danneggiate sono le stesse e se negli ultimi anni sono aumentate le polizze assucurative contro gli incendi; se i proprietari degli esercizi incendiati e delle auto hanno ricevuto in passato altri “avvertimenti”; se nelle zone in cui avvengono gli incendi d’auto ci sono garage che hanno incrementato il numero di auto custodite; mettere in relazione gli atti dolosi con le minacce a pubblici ufficiali e o politici, oppure controllare l’avanzamento di certi appalti, concessioni edilizie e contributi dei servizi sociali. Altra ipotesi potrebbe portare a collegare gli incendi di auto alle azioni sanzionatorie, e di controllo, operate dalle forze dell’ordine. Insomma le piste da seguire sarebbero tante.

Be Sociable, Share!
Precedente Arrestato il 28enne Giuseppe Pappagallo, aveva nell'auto un vero discount della droga Successivo SOLIDARIETA' A MATTEO D'INGEO